Comicon 2013: cronistoria di un avventuriero – Terza parte

I Puffi sanno che un tesoro c'è, è il fiore accanto a te!
I Puffi sanno che un tesoro c’è, è il fiore accanto a te!


– GIORNO 3 (27/04/2013) –

ORE 15,00: PUFFAFFERO. Ebbene sì, anche oggi sono arrivato al Comicon di primo pomeriggio; non tanto per evitare problemi di fila, i quali pare siano stati ampiamente risolti, quanto piuttosto perché durante la mattinata ho avuto altro da fare. Tipo lavorare, ma siccome non frega a nessuno, torno a parlare di Comicon. La prima mezz’ora della terza giornata l’ho trascorsa in maniera del tutto simile alla seconda (giornata, non mezz’ora): foto scattate a cazzo caso subito dopo l’ingresso, in attesa di ricongiungermi con la Comitiva Storica™ (ne ho registrato il marchio, sia mai che me la rubino, ci tengo). La prima foto, peraltro, è quella che vedete in apertura di articolo. Dei Puffi beccati subito dopo l’ingresso, hai detto niente!

ORE 15,30: ARALE E MUTANDE. Indovinate? Nei pressi del Bar Centrale, dove risiede anche l’area giochi da tavolo, avviene il  ricongiungimento (o ricongiunzione? O ricoringiurisdizione? Ma che cazzo sto a dì?) con la… vabbeh ci siamo capiti. Alessandra “Pucca” Coppola, come promesso, è vestita da Arale, con tanto di cacca in mano. Piccola tirata d’orecchie: i capelli sono stati sì lisciati, ma non tinti di viola. Fa niente Pucca, sì bell o’ stess! La vera sorpresa però è rappresentata dalla presenza del, nientepopòdimenoche, neo-milanese Diego Dell’Anno. Chi è costui? Non ha alcuna rilevanza. Conta però quanto egli ci tenga a palesare la sua nerdaggine mostrando a tutti, senza remore, le sue mutande fumettose (o fumose? No, non stiamo parlando di quello che vi è contenuto). Vedere per credere.

Il culo di Diego in tutto il suo putriscente splendore. Le mutande però spaccano

ORE 16,00 / 18,30: COSPLAY EUROPEISTI E SARABANDA. Dopo un breve giro di stand con la Comitiva Storica™, vengo contattato telefonicamente (purtroppo non tramite piccione viaggiatore, il mezzo di comunicazione che prediligo) dagli amiconi Gennaro, Gianluca e Alessandro, i quali mi dicono di essere al Comicon già da un po’ e mi chiedono di raggiungerli alla sala cinema, dove stanno per avere luogo le preselezioni della gara cosplay. Invito troppo allettante per essere rifiutato – non è dello stesso avviso la Comitiva Storica™, che preferisce continuare a cazzeggiare per i padiglioni della fiera.

Da sinistra verso destra: Gianluca “happy boy” Borreca detto “Sborry”, il fenomenale Sun Wukong (Son Gokū), Gennaro “uh uh uh” Petrone, Anèr Andròs, un tizio di spalle
Il buon Alessandro in compagnia di quel vecchio lupo di Mario, cioè volevo dire Wario. “Wario dicci qualcosa” “Waaaaaaaarioooooooo!!!”

Non c’è che dire, la sala cinema è davvero molto grande e fastosa. Neanche il tempo di capire dove sono stipati i miei compari, che la gara è già cominciata. Gianluca mi cede gentilmente il suo posto e si siede sulle scale alla mia destra. Ci godiamo l’evento ed i magnifici – a dir poco – cosplayer che ne fanno parte – su tutti, particolarmente apprezzati quelli di Iron Man e Jack di Nightmare Before Christmas. Dopo la preselezione dei cosplayer che parteciperanno alla gara ufficiale di domani (che a quanto pare si terrà sul palco all’esterno; speriamo non piova…), parte il Cosplay Europe Challenge, che decreterà quale cosplayer dovrà rappresentare il nostro bel paese nel mega-torneo europeo (che avrà luogo non so quando, non so dove). Come prevedibile, la qualità dei costumi e delle esibizioni, in questo frangente, è di livello over 9000. Così come è over 9000 la qualità dei commenti di Gennaro e Gianluca, del tipo: “Quella è bona” “Sì, però anche il costume è notevole…” “Ma fondamentalmente è bona”. Becero sarcasmo a parte, date un occhio (ma anche due) ai filmati qui sotto per capire di cosa parlo (purtroppo mancano tre/quattro concorrenti: la memoria della macchina fotografica di Alessandro ha raggiunto in fretta il suo limite, mentre la mia ha deciso semplicemente di passare a miglior vita).

Dopo le esibizioni, la giuria si ritira in consiglio d’amministrazione al fine di decretare il vincitore. E qui viene il bello (si fa per dire): per ingannare l’attesa – decidere quale cosplayer italiano ci rappresenterà in europa non è impresa facile neanche per una giuria esperta, data la qualità media dei costumi – i due presentatori hanno la brillante idea di intrattenere il numeroso pubblico con un gioco, una sorta di Sarabanda a tema sigle storiche dei cartoni animati. Non fanno neanche in tempo a dire: “Ci sono quattro volontari, tra il pubblico, disposti a venire sul palco a giocare con noi?” che quei farabutti di Gianluca e Gennaro – ancora loro, sempre loro – mi trascinano con forza sul palco. Ora sicuramente sarete ansiosi di sapere cosa diamine io abbia combinato lì sopra… beh, ovviamente svariate figure di popò, con la presentatrice che tra l’altro continuava a non ricordare il mio nome, però anche una vittoria inaspettata (non dai miei amici), forse più per demerito degli altri concorrenti che per merito mio. Il premio? Un simpatico (?) portachiavi a forma di maglietta, di colore azzurro. In ogni caso, a breve (spero) potrete assistere alle riprese live fatte da una ragazza in seconda fila; per il momento, accontentatevi di immaginare un Anèr che nel finale ruba la scena (e il microfono) alla presentatrice e infervora il pubblico per la sua vittoria.

Corri ragazzo laggiù…
Evviva, finalmente una Zelda!
… Ed una Peach! Da notare gli onnipresenti adesivi di Luigi’s Mansion 2, ottenuti all stand Nintendo “seducendo” (ehm, più o meno..) la bella banconista che distribuiva i gadget. D’altronde non avevo mica voglia di ‘ballare’ a Just Dance…

Ore 19,00/00.00: A DOMANI. La giornata è letteralmente volata via, è tempo di una breve reunion e di saluti. Parte della compagnia si dirige con me presso la casa del Dottor Fummo, dove ci aspettano tante salsicce paesane e alcolici come se piovessero dal cielo …

– CONTINUA …

Annunci

5 pensieri su “Comicon 2013: cronistoria di un avventuriero – Terza parte”

  1. Ho dimenticato di scrivere chi ha vinto poi la gara cosplay. Ha vinto una ragazza che ha interpretato HIlde di Soul Calibur V. Costume notevole, anche se noi abbiamo fatto il tifo per Son Goku

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...