Una collector al giorno toglie il gheimer di torno – episodio speciale: un epico week-end a casa Fox

E quindi uscimmo a rimirare Fox... E la sua meravigliosa collezione di 'cartuccioni' NeoGeo. Valore? Intorno ai 20.000 euro. Naturalmente, tale cifra è riferita alla collezione, non a Fox. Lui vale più di tutti voi messi assieme, sporchi bifolchi! semicit.
E quindi uscimmo a rimirare Fox… E la sua meravigliosa collezione di ‘cartuccioni’ NeoGeo. Valore? Intorno ai 20.000 euro. Naturalmente, tale cifra è riferita alla collezione, non a Fox. Lui vale più di tutti voi messi assieme, sporchi bifolchi! semicit.

La storia dell’umanità è costellata di eventi a dir poco memorabili; basti pensare alla scoperta dell’america (Cristoforo Colombo, 1492), o anche alla prima volta in cui l’uomo ha messo piede sulla luna (Neil Armstrong, 1969), giusto per citarne un paio.  Avvenimenti di un’importanza tale da creare non solo una svolta epocale all’interno del continuum spazio temporale, ma anche in grado di lasciare un segno indelebile nei libri di storia nei millenni a venire.Nessuno di essi, però, può anche solo lontanamente essere paragonato a ciò che ha vissuto, il sottoscritto, in un freddo e nebbioso week-end dell’ormai lontano gennaio 2012. Se vi state chiedendo cosa possa esserci di più emozionante di un allunaggio… Beh, è presto detto: il dormire (poco) e giocare -e mangiare- (tanto) insieme a Fox all’interno della sua leggendaria, impareggiabile, incommensurabile (e tanti altri aggettivi terminanti in “abile“) stanzetta, altresì denominata – dal sottoscritto – “Grande Museo dell’Autentico Hardecore Gheimer” e sita da qualche parte nei pressi della provincia di Ferrara.

‘Foxino’ viene immortalato di fianco al suo plasmone Panasonic da 46″ stra-uber-fico-potente-e-in-treddì-stereoscopico. Roba che The King of Fighter XIII appare ancora più “spaccamascella” (leggasi: visivamente strepitoso) del solito. Mai quanto lo stesso Foxino, s’intende.

Se non immaginate nemmeno chi o cosa sia tale “Fox” (WTF?!?!? Fate sul serio? Maledette scimmie…) sappiate che Egli, oltre a svolegere la sfiancante e stressante attività di agricoltore a tempo pieno presso dell’azienda del suo simpaticissimo papà (semplicemente un idolo; prima o poi gli dedico un articolo, promesso), è anche uno dei più grandi Collezionisti di Videogiochi (quelli veri) che il nostro “bel paese” abbia mai potuto vantare. Anzi, probabilmente trattasi de IL più grande collezionista in Italia, quantomeno secondo l'(im)modesto parere del sottoscritto (a fine articolo vi spiego perché).

Nell’ambito dei forum a carattere videoludico, Fox è una sorta di leggenda. Più nello specifico, lo è tra gli utenti del forum di Gamesvillage.it (un tempo Gamesradar… ‘lacrimuccia’), cui fa parte dal lontano 2004 anche il sottoscritto e presso cui, a tutt’oggi, ci lavora il buon Ciore/Frarru. Particolarmente memorabile, poi, divenne una discussione in cui Fox mise alle strette l’utente Ratchet6, da cui la celebre espressione, divenuta poi tormentone, “Fox Ciao”.  Per tutti i dettagli: http://forum.gamesvillage.it/showthread.php?559361-Cos-%E8-la-PSX&p=14817183

Esagerazioni e toni sensazionalistici a parte (chiedo venia per aver paragonato lo sbarco sulla luna ad una notte trascorsa a giocare con il NeoGeo AES insieme a Fox; davvero poca roba, la prima, se paragonata alla seconda), soggiornare, o meglio ancora vivere (nel vero e nel pieno senso della parola) un fine settimana in codesta maravillosa camera dei sogni (video)ludici, riempirebbe di gioia il cuore di qualsiasi nerd, geek, o hardcore gamer che si rispetti.
Soprattutto perché, al di là dell’impressionante quantità di oggetti nerdacei che intasa letteralmente ogni singolo anfratto della camera del Nostro, è la qualità il vero tratto distintivo della collezione in questione. Ne è un esempio lampante la corposa raccolta di cartucce NeoGeo AES, le quali occupano da sole quasi un’intera libreria (anche perché, diciamocelo, suddette cartucce sono tutto fuorché minute). Una raccolta che, non solo rappresenta ciò che ogni gamer (soprattutto quelli con “molti anni nelle scarpe” -cit. rubata al Frarru; durante la prima metà degli anni ’90, infatti, era molto comune il sogno di possedere la strepitosa console della SNK per riuscire a giocare a casa propria, in conversioni pressoché perfette, tutti quei titoli che hanno fatto la storia dei giochi da cabinato) desidera ardentemente, ma che a conti fatti costituisce anche ciò che di più prezioso, raro e costoso possa voler possedere un accanito collezionista di oggetti tecnoludici. Basti pensare che il solo Metal Slug sia costato a Fox la bellezza di 1700€, mica banane.

Panoramica generale. “E di sùbito parve giorno a giorno
essere aggiunto, come quei che puote
avesse il ciel d’un altro sole addorno”, giusto per citare un certo poeta.

Quello del NeoGeo AES di SNK era solo l’esempio più eclatante: il Museo di Fox, infatti, vanta fra le sue perle innumerevoli altri oggetti rari e preziosi, aventi per lo più a che fare con case storiche quali Sega e Nintendo, ma anche con hardware house relativamente giovani nell’universo videoludico quali Microsoft e Sony. Elencare e descrivere minuziosamente ogni singolo elemento sarebbe pressoché impossibile, ma quantomeno non posso non citare randomicamente alcune chicche, tra cui figurano il Panasonic Gamecube e tutti gli altri GC in edizione limitata (tra cui il bundle giapponese di FF Crystal Chronicles), il mitico R.O.B. e tutte le altre perle Nintendo (il Satellaview, il box di Fire Emblem, la keyboard e il Radnet Starter Kit e relativi Mario Artist), il GameGear limitato griffato Rayearth, i vari Dreamcast in edizione per collezionisti, le collector’s edition di Space Channel Part 2, De la Jet Set Radio e Border Down, sempre per Dreamcast, la PSX, gli errori hardware che Sega ha pagato a caro prezzo sulla sua pelle (Mega CD e 32X), Shinrei Jusatsushi Taromaru (il cui valore al momento si attesta sui 250€) e Radiant Silvergun per Saturn e, infine, giusto per citare qualcosa di molto più recente ma ugualmente raro, l’Explorer Edition di Uncharted 3 e la stupenda collector di Sonic Generations (cui presto dedicherò un intero episodio della rubrica).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se guardando le immagini presenti poco più sopra vi siete domandati: “ma Wii e relativi giochi che fine hanno fatto?” beh, non abbiate di che preoccuparvi (addirittura preoccuparci? Ma vaff… NdVoicheleggete). Semplicemente, dovete sapere che Fox ha intenzione di creare (il progetto è ancora in fase pre-alpha) un angolo “Game Room Retro-Arcade” sfruttando la casa che la sua cara nonnina (ah, le nonne, cosa non farebbero per i propri nipoti… Se non esistessero bisognerebe inventarle!) gentilmente gli concede. Ed è proprio all’interno della suddetta abitazione che trovano dimora Wii e relativi giochi, ma non solo: come accennato un paio di righe più sopra, Fox ha intenzione di trasformare, con il tempo, tale spazio in un vero e proprio antro del retrogame e del gaming prettamente arcade, tant’è che vi ci ha portato anche la console NeoGeo AES e, per l’occasione, si è anche attrezzato andando ad acquistare il meglio che la tecnologia CRT (sigla che indica i televisori a tubo catodico, NDR) possa offrire, ovvero un TV Panasonic HD Prepared (un sorta di “quasi HD Ready”) a tubo catodico da 32″ e 16/9, con tanto di ingressi component, scart RGB e addirittura HDMI. Giusto per ottenere il massimo in termini di resa visiva da console quali appunto Wii, NeoGeo, Snes, Megadrive e via discorrendo. Naturalmente, non appena la “sala giochi” in questione verrà completata, sarà d’obbligo dedicargli ulteriore spazio all’interno di questa rubrica.

Una serata, o per meglio dire nottata, davvero indimenticabile, tutta trascorsa a provare il Wii in ‘pseudo’ HD ma, soprattutto, a giocare con il NeoGeo AES mentre ci si strafogava di Kinder Pinguì e ottimo prosciutto crudo (giuro che è andata proprio così). Il perché del secondo televisore CRT flat 4:3 posto dinnanzi al CRT 16/9 della Phillips? È presto detto: per l’occasione il caro Fox aveva ben pensato di far modificare il NeoGeo al fine di ottenerne la miglior qualità visiva possibile sul suo fantastico Phillips, ma siccome l’operazione non è andata a buon fine, abbiamo dovuto ripiegare su un (comunque notevole) televisore CRT di emergenza.  Avreste dovuto sentire i versi che emetteva Fox mentre cercava, da solo (io ero al cesso), di posizionare il pesante televisore sul tavolino di legno…

E dunque, cosa altro aggiungere? Direi ben poco. La pinacoteca videoludica di Fox è semplicemente strepitosa, oltre che in continua crescita. D’altronde, le immagini parlano da sole. Volendo aggiungere un commento del tutto personale, come vi ho accennato ad inizio articolo, ritengo che, quantomeno per quel che concerne il nostro paese, Fox detenga la palma di miglior collezione in assoluto. Certo, quantitativamente ne esistono di superiori ma, in tutta franchezza, nessuna di esse mi è mai parsa tanto ‘curata’ e pregna di quell’amorevole dedizione tipica di un Appassionato con la “A” maiuscola . Oltretutto, è evidente la competenza assoluta di Fox nel selezionare i titoli che davvero meritano di entrare a far parte di una collezione degna di tal nome, sia per quel che riguarda il loro valore storico, sia per quel che è inerente le condizioni in cui vertono (spesso pari al nuovo, sempre e comunque eccellenti), ma anche, e soprattutto, per la qualità del gioco stesso ‘in quanto tale‘. È di fatto impossibile trovare, nella libreria ludica in esame, giochi estremamente fuffosimagari acquistati a solo scopo collezionistico, come fanno in molti.
Insomma, oltre a tanta quantità e qualità, anche tanta, tanta personalità. Che poi è quella che più conta.

Orbene, anche questo episodio, più che mai speciale, è giunto al termine. Vi lascio mostrandovi le ultime immagini scattate a casa Fox e uno spassosissimo video, visionabile al seguente link http://youtu.be/YL_YvsZfsjM, in cui il protagonista indiscusso di quest’articolo si dimena come uno sciamannato dinnanzi al Kinect e ad un gioco per veri Hardecore Gheimer. A quanto pare, al Nostro le banane debbono piacere davvero molto. Vai, NinjaFox, vai! Fagliela vedere a quella frutta brutta e cattiva!
Saluti, scimmiette. Alla prossima puntata!
Chapeu!

Niente da dire, già solo lo ‘scatolame’ NeoGeo ispira tanto sesso e tanto ammore. Altro che Eva Henger.
Ecco a voi, in tutto il suo splendore, il fantastico cesso dove Fox poggia le sue regie chiappe al fine di espletare la più comune delle funzioni corporali: la deiezione. Sì insomma, ci siamo capiti.
Altra roba più che meritevole di essere immortalata: la collezione di BluGhei.
Il poster di Rockman ZX. Ovvero, IL poster.
L’ultima delle foto/chicche prima di passare a quelle a tema videoludico: il letto dove dorme (poco, molto poco, troppo poco) Fox. Sotto, quello in cui ho dormito io. “Ma se per caso dovessi alzarti mentre dormo, che fai, mi cammini addosso?” – “Perché dovrei fare una cosa così crudele?”
La console più fallimanetare nella storia di Nintendo, quantomeno da un punto di vista prettamente commerciale.

PS. una fantastica notizia (o forse no?) per tutti i nostri lettori! A breve partirà una nuova rubrica denominata ‘Mailrats‘. In cosa consisterà? Semplice: mandateci le vostre lettere (o anche domande, su questa rubrica, sul gruppo o ancora su qualsiasi cosa vi passi per la testa) virtuali al seguente indirizzo mail: imallrats@gmail.com. Le più meritevoli, simpatiche, geniali o stupide potrebbero essere pubblicate. Forse, vi risponderemo anche. Vi aspettiamo numerosi!

PPS. Come sempre, rinnovo  il mio invito: se voi tenete la voglia, mandate pure al mio indirizzo mail le foto delle vostre collezioni (di videogiochi, di fumetti, di vibratori, ecc.) ve le commenterò con il solito sarcasmo da quattro soldi (e che non fa ridere nessuno) che mi contraddistingue.

Negli episodi precedenti:

3 pensieri su “Una collector al giorno toglie il gheimer di torno – episodio speciale: un epico week-end a casa Fox”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...